Su questo sito usiamo i cookies. Proseguendo la navigazione accetti il loro utilizzo.

Consiglio Regionale Ordine Assistenti Sociali Lazio

Area Iscritti

Coordinamenti Provinciali

Spazio 5 x mille

Cerca

 

IMPORTANTE - Rivisti i criteri per presentare la candidatura a membro delle Commissioni per gli esami di Stato - anno 2019 - per l’abilitazione all’esercizio professionale di “assistente sociale” ed “assistente sociale specialista” (scadenza: 25 marzo 2019).

L’Ordine professionale, quale garante della qualità delle prestazioni professionali dei propri iscritti, deve assicurare e monitorare la formazione di base.

 

L'esame di stato è uno dei criteri con cui la professione garantisce una tutela a se stessa, ai committenti, ai potenziali utenti.

 

La priorità dell’Ordine è pertanto presenziare e rappresentare la professione in sede di abilitazione.

 

L’esiguo numero di candidature pervenute, i termini di scadenza ormai prossimi per la trasmissione dei nominativi e l’urgenza ed importanza di assicurare il maggior numero di assistenti sociali in sede di commissione esaminatrice, ha reso necessaria anche quest’anno una rimodulazione dei criteri di accesso alla candidatura, in deroga alle le linee di indirizzo riguardanti gli esami di Stato emanate dal Consiglio Nazionale il 06/09/2014 con delibera n. 127.

 

Possono, pertanto, presentare domanda tutti gli iscritti con i seguenti requisiti:

1. iscrizione alla sezione A;

- oppure -

iscrizione alla sezione B con possesso della Laurea Magistrale in Servizio Sociale LM87 (o equivalente dei precedenti ordinamenti);

2. esercizio della professione da almeno 5 anni;
3. non aver subito sanzioni disciplinari negli ultimi 5 anni di esercizio professionale;
4. essere in regola con i pagamenti delle quote annuali di iscrizione;
5. avere assolto l’obbligo formativo nel triennio precedente (2014-2016);
6. aver attivato e comunicato all’Ordine la PEC personale;
7. non aver riportato condanne penali.

 

Si specifica quindi che non e più indispensabile la compilazione del “Modello Curriculum Vitae 2019” precedentemente richiesto, e che l’ordine cronologico di arrivo delle domande sarà individuato come criterio di precedenza.

 

La presentazione della candidatura dovrà avvenire esclusivamente tramite la compilazione del modello di istanza 2019* di seguito riportato, da inviare tramite PEC (posta elettronica certificata) all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (qualsiasi invio presso altro recapito dell’Ordine non verrà preso in considerazione) entro e non oltre lunedì 25 marzo 2019.

 

Si ricorda di firmare l’istanza nell’apposito spazio e di allegare la scansione di un documento d’identità in corso di validità.

 

PER QUALSIASI QUESITO IN MERITO È ATTIVO TUTTI I LUNEDÌ POMERIGGIO, DALLE ORE 15:30 ALLE ORE 17:30, UNO SPECIFICO SPORTELLO INFORMATIVO GESTITO DALLA CONSIGLIERA MARIA CRISTINA PRIMAVERA, RAGGIUNGIBILE ANCHE TELEFONICAMENTE TRAMITE IL NUMERO DEDICATO 327.26.06.929.

 

− *Modello Istanza 2019

− D.P.R. 328/01 artt. 5, 20, 21, 22, 23 e 24 

− Decreto ministeriale del 15/10/1999

 

 


 

 

Sportello informativo dedicato ai candidati a membro delle Commissioni per gli esami di Stato

 

L’esame di Stato in due parole

“L’esame di Stato rappresenta un requisito essenziale per iscriversi all’Ordine professionale ed esercitare l’attività professionale.

Se gli esami universitari sono finalizzati a verificare le conoscenze acquisite, con l’esame di Stato ciò che viene valutato è una capacità più complessa, teorico-pratica, vale a dire la competenza specifica ad esercitare la professione.

L’esame di Stato è, dunque, l’ultimo importante step del percorso che conduce alla professione: deve garantire l’uniforme valutazione dei candidati e la verifica oggettiva del possesso delle conoscenze e dell’attitudine necessarie per lo svolgimento dell’attività professionale: in Commissione, normalmente, siedono tre assistenti sociali e questo è senz’altro un significativo traguardo.

Pur comprendendo le fatiche degli studenti, è necessario sottolineare che l’introduzione dell’esame di Stato e dell’Albo professionale, è stata una grande conquista degli assistenti sociali italiani. Questo passaggio ha segnato un’importante tappa verso l’acquisizione della dignità di “professione intellettuale”, quando per lungo tempo e, per certi aspetti ancora adesso, si tende a vedere il servizio sociale come una semi-professione.

Lo studente svolge il suo percorso formativo all’interno dell’Università. Durante tutto il percorso viene valutato da docenti universitari. All’esame di Stato qualcosa cambia: anche se la sede rimane quella universitaria, chi valuta ed abilita alla professione non è più l’Università ma, principalmente, la comunità professionale, che attraverso l’Ordine, designa i membri della Commissione.

Chi sta per compiere il “passaggio” dalla condizione di studente a quella di professionista, membro della comunità professionale degli assistenti sociali, deve dar prova di avere acquisito le conoscenze, le competenze e soprattutto il pieno rispetto (recepimento) del codice deontologico.

Deve essere altresì tutelato: i costi e l’impegno sostenuti dal candidato non devono in nessun modo inficiare la valutazione della prova, soprattutto se il prezzo da pagare è quello di affacciarsi al mondo del lavoro e delle responsabilità, rischiando una denuncia, una sanzione o un provvedimento disciplinare.”

 

Al fine di garantire:

  • l’interesse della comunità,
  • la tutela dei cittadini,
  • la piena responsabilità di chi si avvia alla professione,
  • la correttezza e la qualità della prestazione professionale,
  • un’elevata qualificazione della professione,

l’Ordine intende sensibilizzare ogni collega a partecipare alla vita della comunità professionale manifestando la propria disponibilità a membro di Commissione.

 

In previsione del prossimo bando annuale, si ricordano i requisiti per la candidatura:

  • iscrizione all’albo professionale sez. A con possesso sia della laurea magistrale in servizio sociale o equivalente dei precedenti ordinamenti, sia della laurea triennale in servizio sociale;
  • essere in regola con il pagamento della quota annuale dell’Albo;
  • aver assolto all’obbligo formativo;
  • avere almeno 5 anni di esercizio della professione;
  • non aver subito sanzioni disciplinari da parte dell’Ordine;
  • non aver riportato condanne penali;
  • disponibilità a partecipare agli incontri preparatori e di verifica previsti, a seguito della nomina a commissario.

 

A tale scopo è attivo, dal 15 di ottobre 2018 tutti i lunedì pomeriggio dalle ore 15:30 alle ore 17:30, uno specifico sportello informativo gestito dalla Consigliera Maria Cristina Primaveraraggiungibile anche telefonicamente tramite il numero dedicato 327.2606929.

 

Save the Date

8, 15, 22 e 29 maggio 2019

Roma - Percorso filmico formativo sulle cure nel fine vita.

 

4 maggio 2019

Roma - Evento formativo “Il benessere dell’assistente sociale sul posto di lavoro: un nuovo modo di lavorare”.

 

26 aprile 2019

Chiusura al pubblico della sede dell’OAS Lazio, in occasione dell’Anniversario della Liberazione d’Italia del 25 aprile.

 

 

 

 

» Tutti gli appuntamenti

Servizi per gli Iscritti

Consiglio Territoriale di Disciplina

Coordinatore Sito Web:

Assistente Sociale
Dott. Alex ARDUINI